Home » Altre Serie » Spazio 1999: Storia di una serie cult amata ancora dopo 40 anni

Spazio 1999 è una delle serie cult più famose di sempre per la fantascienza, riviviamo insieme la nascita di un mito!

Spazio 1999, la serie che nonostante siano passati più di 40 anni dalla sua realizzazione è rimasta nel nostro immaginario collettivo, una delle serie più amate che all’epoca fece avvicinare molti telespettatori alla Fantascienza. Ideata dai coniugi Gerry e Sylva Anderson e coprodotta con la Rai nel 1973, Spazio 1999 fu concepita come una nuova serie di UFO, altra serie dei Coniugi Anderson, ma il progetto fu trasformato in una nuova serie TV fantascientifica ambientata sulla Luna, non nel 1980 come in UFO, ma nel 1999. Le vicende di svolgono sulla Base Lunare Alpha, una installazione scientifica collocata sulla Luna e affidata il 9 Settembre 1999 al comandante John Koenig (Martin Landau) con il compito di gestire una missione esplorativa sul pianeta Meta di recente scoperta.

GENERAL SHOTS

Spazio 1999 – Grandi interpreti

Il 13 Settembre una potente esplosione sulla Luna dovuta a scorie radioattive, provocò la fuoriuscita del satellite dall’orbita che inizio a vagare per lo Spazio Cosi iniziano le vicende dei protagonisti dove durante il vagare nello spazio incontrano civiltà aliene non sempre cordiali.  Tra gli altri personaggi ricordiamo la Dottoressa Helen Russel interpretata da Barbara Bain (nata guarda caso il 13 Settembre) dolce, riflessiva e ponderata e forse il personaggio femminile più amato della serie, Tra il comandante Koenig e la Russell si evince una reciproca attrazione, i due attori all’epoca erano marito e moglie. Uno dei personaggi più amati della serie è senza dubbio il Professor Victor Bergman (interpretato da Barry Morse), un ricercatore inglese direttore del dipartimento scientifico della Base lunare Alpha. I personaggi del Professor Bergman e del Comandate Koenig sono ricordati per la loro interpretazione in uno degli episodi più belli (o forse il più bello) della serie: Sole Nero, un episodio molto forte dove i due attori in una lunga e drammatica scena e soli sul set, hanno praticamente evitato il copione improvvisando tutto al momento: risultato finale, un capolavoro.

img039

Spazio 1999 – Le astronavi e le critiche degli scienziati

Come in tutte le serie Anderson, le astronavi e mezzi di trasporto del futuro sono i veri protagonisti, usando, data l’epoca sempre magnifici modellini che ormai sono passati alla storia, come le famosissime astronavi chiamate “Aquila” o gli “Amphicat” mezzi lunari con 3 ruote. La prima stagione, ricca di tensione e drammatica ebbe un ottimo riscontro di pubblico ma non mancarono le critiche dovute alla narrazione scientifica. Gli scienziati e scrittori dell’epoca Isaac Asimov compreso, affermarono che un esplosione nucleare sulla Luna avrebbe recato danni sulla Terra o che invece di scagliare la Luna nello Spazio l’avrebbe catapultata sulla Terra. Ma noi fans di Spazio 1999 sappiamo che si tratta di una serie di Fantascienza e perdoniamo qualche errore scientifico. Ricordiamo poi che grazie alla coproduzione Rai, nelle prima stagione abbiamo visto alcuni attori italiani: Gianni Garko, Orso Maria Guerrini Carla Romanelli e Giancarlo Prete. Dopo la fine della prima stagione, essendosi separato dalla moglie Sylva, cercando capitale per realizzare la seconda stagione, purtroppo per noi si accordò con l’americano Fred Freiberger, passato poi alla storia come il Killer delle serie TV.

spbs0930

Spazio 1999 – La svolta commerciale e il declino

Sua fu la colpa della chiusura di Star Trek (le prime foto di Discovery) alla terza stagione e dell’Uomo di sei milioni di dollari. Fred Freiberger definì la prima stagione di Spazio 1999 uno show troppo inglese e lui voleva un qualcosa di più commerciale, mandando su tutte le furie Martin Landau e Barry Morse. Nella seconda stagione il ponte di comando fu ridimensionato il set completamente rivisitato, alcuni personaggi come l’amatissimo Paul Morrow sparirono senza motivarne l’assenza e dal nulla sono appariti nuovi personaggi come Tony Verdeschi, fu introdotto il personaggio alieno di Maya.interpretata dall’attrice ungherese Catherine Shell. I cambiamenti voluti da Freiberger furono causa dell’abbandono di Barry Morse che dichiarò che lui preferiva lavorare con gente adulta. Prentis Hancock (interprete di Paul Morrow) in un intervista dichiarò la propria delusione per l’allontanamento senza motivo, scontenta fu anche Ziena Merton interprete di Sandra, nonostante fosse uno dei personaggi più amati fu trattata da Guest Star, appariva di tanto in tanto. Persino l’amatissimo Alan Carter (Nick Tate) rischiò di essere sostituito.

spratmzlb02

Spazio 1999 – La fine della serie, ancora oggi un cult amatissimo

Come previsto la serie non ebbe un riscontro positivo da parte del pubblico e nonostante la previsione di una terza stagione ne fu decisa la cancellazione, i cambiamenti imposti da Freiberger furono fatali per la serie . Alcuni episodi erano ben girati ma alcune trame erano già note, i più attenti avranno notato che l’episodio della seconda stagione “Luton” non è altro che il rifacimento di un episodio di Star Trek conosciuto come l’Arena. Purtroppo la serie si conclude bruscamente con l’episodio i Darconiani senza avere un finale, solo nel 1999 fu girato un video messaggio da Ziena Merton (Sandra) dove annuncia che lasceranno la Luna per stabilirsi su un pianeta abitabile. Anche se è composto da solo due stagioni, Spazio 1999 è entrata di diritto nelle serie cult della fantascienza e rimarrà per sempre nei nostri ricordi.

Antonio Palazzo e Stefano Zucca

Commenta su Facebook!

Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

Vedi tutti gli articoli