Serie consigliate su Prime Video: ecco cosa vedere

Spesso sottovalutato, il catalogo di Amazon Prime Video si arricchisce ogni mese di prodotti di valore, costituiti sia da serie e film realizzati dalla stessa Amazon, che non originali. Oggi prenderemo in esame le serie televisive più interessanti sulla piattaforma, gratuita per tutti gli abbonati Prime al popolare portale di e-commerce.

Hunters

Una delle produzioni “di punta” di Amazon, Hunters può contare su un “pezzo da 90” come Al Pacino nei panni di Meyer Offerman, che nel 1977 capeggia una serie di cacciatori (per l’appunto, hunters) votati alla ricerca e all’eliminazione dei numerosi nazisti scappati dalla Germania dopo il secondo conflitto mondiale. La serie è stata apprezzata ed è già in lavorazione una seconda stagione.

The Boys

Una delle produzioni proprietarie di Amazon più apprezzate e dissacranti, The Boys narra di un mondo parallelo al nostro in quasi tutto, tranne che per un aspetto: i supereroi come vengono interpretati nel nostro universo vigilano e controllano il crimine, apparentemente rappresentando la giustizia e l’equità: la Vault, la potente società che li controlla in realtà “copre” anche le loro misfatte. Una delle serie più particolari e discusse del 2020, è arrivata alla seconda stagione.

Good Omens

Stile azzeccato, e tematiche “spirituali” affrontate in modo intelligente e sagace, Good Omens è una delle produzioni native di Amazon più apprezzate in assoluto: Azraphel è un angelo che ha un rapporto decisamente inusuale con il demone Crowley, entrambi rappresentanti di “schieramenti” come paradiso e inferno. Un prodotto molto ben recitato e che sovverte il naturale ideale bene-male.

Upload

Amazon non trascura la fantascienza come genere: Upload narra un prossimo futuro dove la tecnologia rende possibile “ricaricare” la propria entità dopo la morte. Il protagonista Nathan Brown ha scelto per l’appunto di essere “ricaricato” in una realtà ben precisa dove potrà fare tutto quello che vuole, con tutti i rischi e le problematiche del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *