La serie Netflix creata da Ross e Matt Duffer ha visto l’aggiunta di tre nuovi personaggi che hanno recitato in alcuni film che li hanno molto influenzati, scopri chi sono le star di Stranger Things 2.

 

La seconda stagione di Stranger Things è ancora lontana dalla messa in onda, ma il processo produttivo è iniziato e dopo la prima foto arrivano anche le indiscrezioni su chi entrerà a far parte dello show. La serie Netflix creata da Ross e Matt Duffer vedrà la presenza di tre nuovi personaggi come ha anticipato EW, a partire dall’attrice danese Linnea Berthelsen nei panni di Roman:

linnea-berthelsen-stranger-things

“Sarà una giovane donna magnetica che ha subito la grande perdita di un bambino. Anche se lei non vive in Hawkins è misteriosamente collegata agli avvenimenti del laboratorio”.

 

La new entry più interessante però è senza ombra di dubbio quella di Sean Astin, star dei “Goonies” da piccolo e conosciuto in tutto il mondo per aver prestato il volto a Sam ne “Il Signore degli Anelli” (leggi del biopic sulla vita di J.R.R Tolkien). L’attore interpreterà il ruolo di Bob Newby:

sean-austin

“Lui è un ex secchione di buon cuore che è andato a scuola con Joyce (Winona Ryder) e Hopper (David Harbour) e ora gestisce il Hawkins RadioShack locale”.

 

Il film “Goonies” ha ispirato tantissimo la prima serie di Stranger Things e questo omaggio dei Duffer non è altro che l’ennesimo riferimento al capolavoro del 1985. L’ultimo nuovo membro del cast è Paul Reiser, già interprete di “Alien”, che interpreterà il Dr. Owens:

“Sarà un membro di alto rango all’interno del Dipartimento per l’energia e avà un incarico di ‘pulizia’ con il compito di contenere gli eventi della scorsa stagione”.

 

Non sappiamo con certezza ciò che è accaduto al Dr. Brenner (Matthew Modine)e quindi il Dr. Owens potrebbe sostituirlo. Ma l’ingaggio di Reiser è anche interessante perché i Duffer hanno dichiarato più volte di essersi ispirato ai sequel di Alien e Terminator James Cameron e quindi anche al malvagio Burke: “Pensiamo che la ragione per cui i sequel possano avere successo è cercare di renderli originali, senza perdere lo spirito che ha contraddistinto la serie originale”.

Seguite la pagina Facebook di Talky series,  Stranger Things Italia, Netflix Addicted Italia!


Thomas Cardinali

Giornalista pubblicista appassionato di cinema, serie tv e sport. Dopo aver gestito un blog e aver collaborato con testate nazionali (Romanews.eu, Blogdicultura, FilmUp) ed internazionali (melty.it) ho deciso di dedicarmi al nuovo progetto di Talky per un network indirizzato al pubblico under 30.

Vedi tutti gli articoli