Recensione spoiler del sesto episodio della sesta stagione di “C’era una volta”, dedicato a ben tre story-line definite 

 

Attenzione: articolo pieno di spoiler!

 

Nuovo episodio di Once Upon a Time, e nuovi personaggi in arrivo, grazie al Regno delle storie interrotte ci sarà molto, molto da raccontare, sperando che alla fine venga dato il giusto spazio a ciascun personaggio, non come fu per Hercules nella scorsa stagione. In questa puntata l’anno in questione, almeno in teoria, è il 1870, e vediamo il perché.

Capitano mio Capitano

Come largamente annunciato nel primo promo e negli sneak peek, il nuovo personaggio in questione è un grande eroe della letteratura ottocentesca, il Capitano Nemo di “20000 leghe sotto i mari”, e da buon lupo di mare, non poteva non aver incontrato il passato un altro grande capitano letterario, cioè Uncino. Questo incontro avviene durante il periodo della maledizione Oscura, quindi molto probabilmente tra le acque dell’Isola che non c’è. Nemo si infiltra a bordo e con l’inganno trascina Uncino sott’acqua, per farlo risvegliare a bordo del Nautilus. Capendo che non potrà facilmente scappare, Killian cerca di capire cosa vuole Nemo da lui. Solo due cose, una apparentemente semplice (almeno per un uomo come Uncino) e l’altra decisamente più ardua: aiutarlo in una missione e poi dimenticare i suoi desideri di vendetta nei confronti di Tremotino per unirsi al suo equipaggio.

nemo-uncino

Intanto, a Storybrooke, le cose non vanno benissimo. Henry viene a sapere per conto di Evil Queen che Uncino ha nascosto le forbici delle Parche, e ora comincia a non fidarsi più di lui. La mossa della Regina Cattiva sa un po’ di disperazione, soprattutto quando ha capito che Regina e i Charming sono duri a morire, ma sembra funzionare. Henry cerca di disfarsi personalmente delle forbici, ma viene fermato prima da Uncino, e poi dal Nautilus che li rapisce. Ma stavolta a comandare non c’è Nemo, ma il giovane secondo in comando. Che è successo al Capitano? E chi è questo ragazzo?

screenshot-2016-11-01-20-29-04

Torniamo nel passato, e alla missione che Nemo si apprestava a compiere, accompagnato dal suo secondo e da Uncino. In una misteriosa caverna vengono attaccati dal Kraken (non poteva mancare questo genere di mostro in una tale storia, anche se nel romanzo di Verne era un calamaro gigante, e, a dire il vero, gli somiglia parecchio), una storia che ricorda molta quella del film “Il signore degli anelli – La compagnia dell’anello”, quando la compagnia viene attaccata all’ingresso delle miniere di Moria. Anche in questo caso è la bestia a perdere, grazie al tempestivo intervento del ragazzo e di Nemo, così ora l’obbiettivo è alla portata di mano, cioè un classico forziere. Almeno nell’aspetto, perché il contenuto non è di oro o gemme, ma una chiave che aprirebbe una porta magica per un regno misterioso. Finita la prima parte dell’accordo, Nemo prova a convincere Uncino a restare, facendogli capire che la vendetta è inutile. Lui l’ha ottenuta ma ora si sente peggio, così ha impegnato la sua vita anche ad aiutare le anime afflitte da questa ossessione, compreso Liam, il suo secondo in comando.

screenshot-2016-11-01-20-31-27

Liam, Liam… Dove abbiamo già sentito questo nome? Era il nome del fratello, anzi, dei fratelli di Killian. Non solo quello maggiore morto avvelenato sull’isola che non c’è, ma anche quello reso orfano dallo stesso Uncino, quando in passato uccise il padre per vendicarsi dei torti subiti. Ecco dunque dove è finito il fratellastro, che ha sentito tutto e in un attimo ha dimenticato tutti i buoni propositi di dimenticare la vendetta. Cerca di uccidere Uncino con lo stesso pugnale che ha ucciso il padre, ma finisce per ferire mortalmente Nemo. Nel trambusto Killian riesce a scappare, ma Liam promette che lo ritroverà. E ci è riuscito. Colpo di scena, anche se molto telefonato come molti altri di Once Upon a Time, ma che apre nuovi scenari futuri.

 

Tornando nel presente, Henry viene a sapere da Uncino tutta la verità sul suo trascorso nel sottomarino, e grazie alle forbici magiche riescono ad evadere dalla cella. Killian cerca di rimediare ai tanti errori del passato con un gesto altruista, consegnando ad Henry l’unico scafandro disponibile, mentre lui è pronto ad affrontare il suo passato. Viene a sapere da Liam che la chiave magica li ha portati nel regno delle storie interrotte, e al loro arrivo Nemo è stato rapito da Hyde. Ma ora che è tornato a Storybrooke è probabilmente morto, e anche se Uncino non ne è del tutto sicuro Liam non vuole sentire ragioni, ed è pronto ad uccidere il fratellastro, anche perché stavolta sembra non opporre resistenza. Ci penserà il solito piccoletto a salvarlo. Henry è tornato indietro, ed è bastato il suo sguardo a fermare la mano di Liam… oltre a un pugno di Uncino che finalmente ritrova lo spirito di conservazione.

screenshot-2016-11-01-20-38-21

All’ospedale Uncino va a trovare Liam rinvenuto dalla botta, che ammette che stava commettendo un errore nell’ucciderlo, e questo lo ha capito dal volto di Henry. Ha intuito il legame che c’è tra i due, e non voleva togliere anche lui un familiare a un ragazzo. E come si dice, una buona azione porta spesso una ricompensa. Nemo è vivo, era stato ritrovato nel bosco proprio quella mattina, e grazie alle moderne attrezzature mediche è stato salvato. Ora i vecchi amici sono di nuovo felici, e anche i fan, o almeno il sottoscritto. Come affermato nel promo, il Capitano Nemo è un personaggio che mi ha da sempre affascinato, e questo suo nuovo adattamento, grazie al noto attore Faran Tahir (ha recitato in film come Iron-Man, Star Trek 2009 ed Escape Plan) già in pochi minuti si era rivelato molto interessante. Sarebbe stato un vero peccato perderlo subito, e adesso che è vivo speriamo di continuarlo a vedere in azione e non come un ignoto abitante di Storybrooke.

E gli altri?

Naturalmente, questa puntata non ha parlato solo di Evil Quenn, Henry, Uncino e 20000 leghe sotto i mari. Anche Belle è stata in ospedale, per la sua prima ecografia, e non sa se farla avere a Tremotino. Il suo buon cuore alla fine vince, e ringraziamo le veneziane, visto che sarebbe stata una beffa, per lei ma anche per i fan, vedere Uncino che bacia un’altra donna per la prima volta dopo secoli. Evil Queen cerca di sedurlo, e quando non ci riesce la passione, a uno come Gold vanno bene anche gli oggetti. È riuscita a recuperare le forbici delle Parche che Uncino ed Henry avevano gettato in fondo al mare dopo l’avventura nel sottomarino, e in cambio di esse vuole la cosa che brama da sempre: il cuore di Biancaneve.

screenshot-2016-11-01-20-35-26

Aladdin, invece, dopo aver parlato con Emma, si convince che è inutile scappare, e decide di tornare da Jasmine per aiutarla a salvare Agrabah. Il problema è che la situazione potrebbe essere più grave del previsto. Secondo quanto ha visto in passato la principessa… la città non esiste più!

Le story-line su Tremotino ed Evil Queen continuano ad essere più complicate delle altre, è chiaro che i loro destini e desideri tormentati ce li porteremo dietro per tutta la stagione, ma “Dark Waters” è un episodio decisamente soddisfacente, che ci fa ben sperare per il prossimo.

Metti mi piace alle pagine Facebook  Rumplestiltskin ϟ All magic comes with a price  ∞ C’era una volta ∞   » Sometimes the best teacup is chipped «La magia ha sempre un prezzo». Swan Mills family. Poisoned Apple.  La Bella e La Bestia  It’s a show? It’s a lifestyle. It’s a religion. • Jennifer Morrison •  ₪¤§ Io non guardo serie tv, faccio maratone. §¤₪ The world of two fangirls ϟ There’s Always Hope.  Quando una serietv non è solo una serietv


Valerio Brandi

Giornalista pubblicista che ha iniziato la carriera con lo sport con il Corriere Laziale e apparizioni in reti televisive come T9 e Rete Oro per poi passare al cinema e alle serie Tv, dedicando molta passione al mondo del doppiaggio.

Vedi tutti gli articoli
Inline
Inline