“Fear The Walking Dead 3×03” ci ha finalmene riportato un personaggio molto amato da tutti: Daniel Salazar! 

“Fera The Walking Dead 3×03” ha sancito il ritorno di un personaggio sparito durante la seconda stagione: Daniel Salazar. L’ex soldato salvadoriano è tornato infatti alla fine dell’episodio “Teotwawki” e ha offerto una sacca d’acqua a Victor Strand che era stato imprigionato. Dov’è stato tutto questo tempo? E perchè riportare indietro adesso il personaggio di Ruben Blades? Entertainment Weekly ha chiesto allo showrunner Dave Erickson questo e molto di più…

ENTERTAINMENT WEEKLY: Cominciamo dal ritorno di Daniel Salazar che vediamo dare a fine episodio da bere a Victor Strand. Com’è stato riportarlo nella serie? Perchè ora? Perchè proprio adesso? 

DAVE ERICKSON: Innanzitutto è stato bello riportare Ruben nello spettacolo perchè è stato una parte importante dello spettacolo. E poi Coleman e Ruben hanno una strana chimica insieme che però alla fine risulta sempre fantastica. LA maggior parte della spiegazione su dove è stato e come ha fatto a sopravvivere lo si avrà nell’evolversi della storia. Ha perfettamente senso averlo trovato a sud del confine perchè è lì che lo avevamo lasciato l’ultima volta. Scorpiremo prossimamente come è diventato parte di questo ambiente e perchè  fondamentale per questo. E poi scopriremo perchè sarà importante per Victor Strand. Lui adesso è in un posto a cui non è abituato, è arrivato alla diga con l’intenzione di riprendere il suo rapporto con Dante come lo aveva lasciato prima dell’apocalisse. Erano chiaramente due “uomini d’affari” prima dell’apocalisse; ma abbiamo capito subito che l’apprezzamento di Strand per  Dante è sicuramente molto più grande di quello che Dante ha per Victor.

Per alcuni aspetti i “polli” stanno tornando a casa per lui perchè l’affare che lui e Thomas hanno fatto è andato chiaramente a loro vantaggio e penso che Dante abbia ora la possibilità di prenderne il controllo. Strand è quindi in un posto molto più compromesso rispetto a quelli in cui siamo abituati di solito a vederlo, ora sarà interessante vedere se Salazard lo aiuterà o gli farà del male in questo nuovo scenario.

ENTERTAINMENT WEEKLY: E questo Dante? Lo abbiamo visto lanciare qualcuno dalla diga  su di un mucchio di corpi di zombie. A cosa mira? Quali sono le sue opinioni sull’apocalisse? 

DAVE ERICKSON: Nell’episodio di “Fear The Walking Dead 3×03” vediamochiaramente che Dante è crudele e pragmatico.Guarda, una delle tematiche dello spettacolo è la ricostruzione della civiltà. E’ qualcosa che è prevalente nello show e nel fumetto come in qualsiasi dramma postapocalittico; nell nostra storia a nord del confine abbiamo Dayton Callie, Otto, che sta cercando di ricostruire la società a modo suo. E Dante sta cercando di fare la stessa cosa ma a modo suo; in ultima analisi ciò che puoi fare dipende dalle risorse. In questo caso cosa da potere a Dante è la diga e l’acqua; fino a che ne tiene il controllo ha il potere di fare come vuole. Non è un caso che Strand vada da lui perchè pensa: lui controlla ciò che è la valuta fondamentale ora, l’acqua, se potrò aiutarlo a tenere in una parte il controllo su questo mi proteggerà e terrà in compania.

MEntre Strand è un uomo lui è più un criminale, disposto ad uccidere indiscriminatamente per assicurarsi che la gente capisca che è sotto stretta sorveglianza e chi ne è responsabile. E questo è davvero uno degli elementi della stagione. E’ la questione della violenza e quando la si utilizza, e come la si utilizza; questo vale sia per Dante di cui ipotizziamo una possibile relazione con Salazar o il rapporto di Troy e Madison con loro. Il punto è quanto sei disposto a sacrificare della tua umanità e moralità per sopravvivere?

Lui è un ragazzo che ha la cultura di uccidere per sopravvivere e non esiterà mai nemmeno un secondo ad usare questa cosa; lui è qualcuno che, come vedremo, non ha paura a uccidere chi deve proteggere la sua posizione. Lui pensa che ogni volta che uccide  qualcuno che lo ha screditato e lascia che altri vengono alla diga, dimostra in modo più che pratico che gli altri devono temerlo. E’ esattamente la questione che si porrà per Madison e per Nick e Alicia con l’andare avanti di questa stagione. E’ accettabile? E’ quindi solo un esempio della questione che avrebbe sollevato Travis.

ENTERTAINMENT WEEKLY: PArliamo dell’affascinante rapport tra Madison e Troy. Nella prima puntata ha quasi perso un occhio ma in questa lo “brontola” perchè non ha rifatto il letto e, a fine episodio, gli mette un tovagliolo sulle gambe… perchè Madison fa tutto questo? E’ ovvio….sta cercando disperatamente un modo per manipolare la situazione ?

DAVE ERICKSON: E’ esattamente quello che sembra; penso che dopo il primo episodio lei abbia realizzato che èun sociopatico e dentro di se continua ad essere un ragazzo spezzato…se vuole continuare a stare nel ranch deve assicurarsi che quella violenza non si riversi addosso alla sua famiglia. Lei in lui vede un ragazzo bisognoso di una madre e allora le inizia ad essere più chiaro come lui possa essere diventato ciò che è adesso.

Lei pensa che se può riuscire a controllarlo allora lui diventerà qualcosa che può usare per proteggere la sua famiglia. E’ sicuramente affascinato da Madison e ha un interesse che ha tutto a che fare con la propria madre e la mancanza della propria madre che ha avuto da bambino…ha un problema con Nick, ha una certa gelosia nei suoi confronti; ma verso la fine dell’episodio vedranno uno nell’altro qualcosa che gli renderà più accettabile la presenza di chi vedono uno dentro l’altro. E questo  èil momento in cui sia Nick che Alice prendono coscienza che forse possono accettare che la loro famiglia “si allarghi” , per poter rimanere dove sono impareranno ad accettare la cosa; questo è qualcosa che vedremo in futuro: “giocheranno” con Troy come un fratello per far stare tutti loro al sicuro.

ENTERTAINMENT WEEKLY: Cosa dovremo eliminare di quel vecchio video di Jeremiah che urla afferra sua moglie e maledice il cameraman? Sono indizi questi che noi come Madison dovremo tenere in considerazione? 

DAVE ERICKSON: Si. C’è veramente un confine di violenza in questo ragazzo che è veramente parte di chi lui è. In un paio di punti dell’episodio vediamo chiaramente la malevolenza e malignità dentro il personaggio di Jeremiah. Andando avanti con la storia avremo un quadro più chiaro di cosa si occupavano questi ragazzi; vedremo come Jake sia sempre stato fin da piccolo il protettore di suo fratello Troy. Così facendo più andremo avanti più comprenderemo meglio la complessità del personaggio di Troy.

ENTERTAINMENT WEEKLY: Ok cosa succederà prossimamente di importante dopo l’episodio “Fear The Walking Dead 3×03”? 

DAVE ERICKSON: Vedremo un grande, grande episodio dedicato a Daniel Salazar adesso chelo abbiamo ritrovato. Il suo dire “sarò il tuo angelo custode” è un richiamo diretto all’ultima scena che hanno girato sulla barca nella seconda stagione, quando Daniel Salazar era rimasto a bordo solo per “studiare” meglio Strand.

Strand sostanzialmente disse a Daniel: “Mi stai stalkerando come l’angelo della morte.” E Salazar gli rispose “Beh forse sono un angelo custode..”. Il modo con cui ha parlato a Strand è quindi un richiamo a qualcosa di specificamente loro, un modo loro di parlarsi. Se osserverete attentamente Daniel potrete notare delle bruciature su di lui, capiremo meglio quindi come è scappato e il suo attuale stato mentale attuale. Sarà davvero un episodio molto particolare con Ruben Blades.

 

Cliccate mi piace alle pagine facebook:  Series Generation, Fear The Walking Dead – Cobalt – ItaliaMultifandom √The Walking Dead Ita ed ai gruppi: Serie tv addictedSeries GenerationFear Italia – The origins of the zombie apocalypse,  Horror Maniaci



Commenta su Facebook!

AleStarkSnow

Anima folle dispersa in un mondo di finti santi.

Vedi tutti gli articoli
Inline
Inline

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi